cerca

LIBRERIA AMBASCIATORI – PROGRAMMA APRILE

quando

Dal 10 Aprile 2013
al 14 Aprile 2013

dove

Libreria Coop Ambasciatori

Via Orefici, 19 Bologna

Questo il programma di incontri per il mese di Aprile alla Libreria Coop Ambasciatori.

Mercoledì 10
ore 18.00

presentazione del libro  UTOPIE. PERCORSI PER IMMAGINARE IL FUTURO (Codice) a cura di Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini. Saranno presenti, oltre ai curatori, Egeria Di Nallo, Piero Dorfles, Elisabetta Gualmini.

Utopia come anelito all’inesistente, al modello ideale. Ma utopia anche, e soprattutto, come stimolo al miglioramento, forza propulsiva e superamento di un difficile presente. La sociologa Lella Mazzoli e il giornalista Giorgio Zanchini hanno interrogato alcuni protagonisti del panorama culturale italiano, chiedendo di proporre, ognuno dal proprio osservatorio, una definizione di utopia, per contribuire così a tracciare una mappa ideale del futuro. Le voci di Dorfles, La Porta, Sinibaldi e degli altri autori creano così un fitto dialogo tra arti figurative, filosofia, narrativa, critica sociale, teatro, tecnologia e storia dell’industria. Un affresco del contemporaneo che offre strumenti originali per leggere con intelligenza la nostra società e le sue possibili evoluzioni.

Giovedì 11
ore 11.00

conferenza stampa di presentazione di “Colori e suoni delle origini”, mostra alla sala D’Ercole – Palazzo Comunale di Bologna con opere diAndrea Benetti e musica di Frank Nemola. A cura della professoressaSilvia Grandi.

>> ore 18.00

incontro con Gianni Sofri in occasione della pubblicazione del suo libroDEL FARE LIBRI - Mezzo secolo da Zanichelli (Zanichelli). Ne parlano con l’autore Irene Enriques, Direttore Generale Zanichelli editore,Alessandra Francucci, Dirigente Liceo Sabin Bologna, Virginio Merola, Sindaco di Bologna, ed Enrico Poli, Divisione Media Digitali Zanichelli editore. Coordina Michele Smargiassi, giornalista di Repubblica.

«Un giorno, incontrandomi sulle scale, il capo del personale mi avvertì, peraltro assai gentilmente, che a partire dal lunedì successivo avrei dovuto timbrare il cartellino all’ingresso e all’uscita dalla casa editrice. Io non gli dissi nulla, ma mi sentii ingiustamente mortificato. Innanzi tutto, non capivo le ragioni di un controllo, visto che mi trattenevo quasi sempre molto oltre l’orario d’ufficio. Ma più ancora, bruciava la ferita inferta a uno studioso non certo ancora affermato, ma “promettente”, che aveva studiato alla Scuola Normale e pubblicato dei saggi. Andai da Delfino Insolera, anzi dall’Ing. Insolera, che era allora il mio direttore, e gli raccontai, piuttosto indignato, questo episodio. Insolera tacque per un momento e poi commentò: “Le farà proprio bene”.»

Venerdì 12
ore 18.00

per la rassegna “I Pomeriggi della Fondazione Barberini” incontro conGianni Pittella e Elido Fazi per  la presentazione del  loro libro BREVE STORIA DEL FUTURO DEGLI STATI UNITI D’EUROPA (Fazi). Intervengono con gli autori Piero Ignazi, Anna Salfi, Mauro Bonaretti. Saluti di Salvatore Caronna e Vittorio Prodi. Modera Massimiliano Panarari.

Fazi e Pittella riflettono sulle questioni ancora irrisolte all’interno del progetto europeo e auspicano un ritorno della politica dopo la dittatura della finanza.  Il 2012 è stato un anno di svolta per l'Europa. L’Europa unita, se e quando si farà, non potrà essere soltanto un’unione fiscale e monetaria, ma un vero e proprio Stato federale in grado di assumere su di sé, almeno in parte, i debiti degli Stati nazionali, capace di emettere attraverso un proprio Tesoro federale gli Eurobond e di farsi promotrice di una seria riforma del sistema monetario internazionale, per evitare una eccessiva e repentina rivalutazione dell’euro rispetto al dollaro e alle altre monete. Un’Europa che non si può arrendere al trionfo della finanza e che deve fare le proposte necessarie per assicurare una corretta circolazione del traffico finanziario nonché attuare politiche che creino occupazione. Il libro ripercorre gli avvenimenti più importanti del 2012 e prova a immaginare lo sviluppo futuro del progetto europeo. Fazi e Pittella, convinti europeisti, materializzano davanti ai nostri occhi gli Stati Uniti d'Europa come un'imperdibile opportunità di progresso politico.

Sabato 13
ore 17.00

incontro con Enrico Franceschini in occasione dell’uscita del suo ultimo libro L’UOMO DELLA CITTA’ VECCHIA (Feltrinelli). Dialogano con l’autore Michele Smargiassi e Padre Giovanni Bertuzzi.

Chi è “l’uomo della Città Vecchia”? È il papa, Giovanni Paolo II, che nella primavera del 2000 compie una storica visita a Gerusalemme, deciso a rappacificare le tre fedi monoteiste e a chiedere perdono agli ebrei per venti secoli di antisemitismo? È padre Pietro Marulli, il frate domenicano dal passato turbolento che ufficialmente dirige la École Biblique della Città Santa ma in realtà si occupa di ben altro per conto del Vaticano? È il giornalista Paolo Farneti, inviato a raccontare il viaggio del pontefice ma venuto a Gerusalemme soprattutto per saldare un vecchio debito e riparare, se è ancora possibile, un tradimento di gioventù? Oppure è il corpo imbalsamato ritrovato in una cantina del quartiere cristiano dalla Pattuglia della Decenza, gruppo clandestino di haredim, gli ebrei ultraortodossi, deciso a sabotare la visita del papa e a cambiare la storia del cristianesimo? “Non credo in Dio, ma credo in chi crede,” dice Maya Mazin, l’agente dei servizi segreti israeliani coinvolta nell’operazione per sventare il complotto: ma a chi credere, in una ricerca della verità che parte dalle Sacre Scritture? Tra odore di caffè al cardamomo e salmodianti processioni in latino, nel labirinto di vicoli che circondano il Santo Sepolcro, il Muro del Pianto e la Moschea della Roccia, in mezzo alle pietre su cui hanno camminato Abramo, Gesù e Maometto, un romanzo sulla fede, sull’amicizia, sull’amore e sulla città da cui si alza questa preghiera al cielo: “Dieci misure di bellezza furono donate al mondo, nove furono date a Gerusalemme e una al resto del mondo”.

Domenica 14
LE DOMENICHE DELL’AMBASCIATORI:

>> ore 11.00
inaugurazione di “Girotondo di note - matinée musicali all’Ambasciatori” -  Rassegna 2013. 
In occasione del bicentenario della nascita di G. Verdi, musiche del Rigoletto.
Violini: GIACOMO TESINI e MICHAL DURIS.
Trascrizione per due violini di Ant. Melchiori.

>> ore 16.00
per il ciclo “TI RACCONTO UNA STORIA”, letture ad alta voce  e laboratori per bambini in collaborazione con “FantaTeatro” lettura animata tratta dal libro UNA LAVAGNA CHIACCHIERONA (il Castoro) di Bernard Frìot e Eric Gastè.

Una lavagna che parla! Si è mai vista? Una storia con tre finali. Rimasta sola in classe, la maestra Giovanna si avvicina alla lavagna. Si schiarisce la voce e chiede sussurrando: «Sei tu che hai parlato?». «Certo!», risponde la lavagna. La maestra si guarda intorno, poi guarda dietro la lavagna, dentro l’armadio. è davvero la lavagna a parlare? O qualcuno la sta prendendo in giro? Questo è l’inizio della storia. Ma poi ci sono tre storie e tre finali differenti. Tre storie da scegliere, leggendo la preferita, oppure mischiandole oppure inventandone altre...

IMMAGINE

libro

mappa...

Sto caricando la mappa ....
  • .

  • .

  • campo

Eventi correlati

Il meteo a bologna


Spiacenti no dati disponible!

 
la pubblicità

scopri come